pubblicato il 29/09/2015
Version française

indice geografico
indice cronologico

Per informazioni:
Avvertenze importanti


itinerario 72
SCHWALMIS - BRISEN

 

Localizzazione:
Beckenried, riva sinistra del Lago dei Quattro cantoni, canton Nidvaldo, Svizzera
Linea Stans - Beckenried - Emmetten - Seelisberg
Autostrada A2, uscita n° 35 Beckenried
Partenza:
Beckenried, Post
Parcheggiare a Beckenried, alla stazione di partenza della funivia per Klewenalp
L'escursione inizia alla stazione superiore della funivia Beckenried - Klewenalp

Arrivo:

Beckenried, Post
À la voiture
L'escursione termina alla stazione superiore della funivia Beckenried - Klewenalp

Dislivello:

1207 m 1207 m
Punto più basso: Stafel 1532 m
Punto più alto: vetta del Brisen 2404 m

Itinerario:

Klewenalp   Stafel   Hinterjochli   Schwalmis   Hinterjochli   Risetenstock   Steinalper Jochli   Brisen   Lauwistock   Brisenhaus   Stafel   Klewenalp
Durata:
Klewenalp 20 min Stafel 1h 10min Hinterjochli 40min Schwalmis 35min Hinterjochli 25min Risetenstock 30min Steinalper Jochli 35min Brisen 30min Lauwistock 1h Brisenhaus 40min Stafel 20min Klewenalp

Totale: 6h 45min
Difficoltà:
Il sentiero è ben frequentato, è quindi perfettamente visibile (e largo) lungo tutto il percorso. Ha tuttavia alcune (poche) tratte esposte. Taluni passaggi sono relativamente ripidi.

T3 - Escursione di montagna impegnativa (secondo la scala del CAS)
Di regola traccia visibile sul terreno, passaggi esposti possono essere assicurati con corde o catene, eventualmente bisogna servirsi delle mani per l'equilibrio. Se segnalato secondo norme FSS: bianco-rosso-bianco. Singoli passaggi con pericolo di cadute esposte, pietraie, versanti erbosi senza traccia e cosparsi di roccette. Esigenze: passo sicuro, buoni scarponi da trekking. Discrete capacità d'orientamento. Conoscenze base dell'ambiente alpino.

Punti di ristoro:
Ristoranti a Klewenalp e Stafel. Capanna del CAS a Brisenhaus.
Varianti:
Rinunciando all'ascesa dello Schwalmis si risparmiano 75 minuti e 280 metri di dislivello (140 m in salita e altrettanti in discesa).
Commento:
---
Data:
Escursione effettuata il 20 ottobre 2014
Partecipanti:
image
Claudio Nicolas
Collegamenti internet (fonti):
Sito della funivia Beckenried-Klewenalp (in tedesco)
Altri itinerari nella regione:
Itinerario 53: Stockhütte - Niederbauen
Itinerario 62: Klewenalp - Stockhütte

 

CARTINE

 

DESCRIZIONE

Iniziamo la gita odierna salendo in funivia da Beckenried a Klewenalp, un alpe diventato stazione turistica. In inverno si viene qui per sciare, in estate per camminare. Iniziamo dunque a marciare in direzione dello Schwalmis. Fino a Stafel il percorso segue una strada sterrata, la stessa che abbiamo già utilizzato nell'itinerario 62.

A Stafel si inizia a Salire. Si segue grosso modo il percorso della seggiovia (chiusa in estate). Il sentiero sale in modo regolare fino alla bocchetta chiamata Hinterjochli. Malgrado la salita non concede tregua - non ci sono tratte pianeggianti - arriviamo in cima senza troppe difficoltà e relativamente freschi.

A Hinterjochli il sentiero si divide, sulla nostra destra inizia la salita per il Risetenstock e il Brisen. Dato che siamo "giovani, belli e forti", noi, prima di affrontare il Brisen, decidiamo di salire sullo Schwalmis.

La salita inizia con una leggera discesa. Si passa poi attraversi delle bellissima rocce calcaree e si giunge sul pratone dello Schwalmis. Non esiste una vetta vera e propria e non c'è neppure una croce. Si sa che si è in cima perché il terreno ricomincia a scendere.

Non vi descrivo il panorama, vi dico solo che è mozzafiato. Guardando verso sud-est si vede il Brisen, visto da qui sembra lontanissimo, tanto che ci chiediamo se riusciremo davvero a "conquistarlo".

Dopo essere tornati a Hinterjochli seguendo il sentiero fatto all'andata, iniziamo a salire verso il Risetenstock. La salita è ripida e faticosa (forse anche perché siamo in piena digestione).

Arrivati sul Risetenstock, ci aspetta una lunga traversata fino a Steinalper Jochli. Il sentiero segue la cresta. Essendo abbastanza largo non è per niente pericoloso. È però molto suggestivo, devo dire che questa parte della gita mi è piaciuta assai.

A circa 30 minuti di marcia da Risetenstock si arriva a Schuenegg. Qui il sentiero si divide: due sono le opzioni per arrivare a Steinalper Jochli. Una, segnata con il cartello giallo, segue un percorso più facile ma più lungo (circa 1 km e 130 metri di dislivello). L'altra, segnata con un cartello blu, è molto più corta (circa 330 metri e 20 metri di dislivello) e teoricamente più difficile. Noi abbiamo scelto la "via blu" e onestamente non abbiamo capito perché sia stata segnata in bianco-blu-bianco (e non in bianco-rosso-bianco). L'unico passaggio che potrebbe presentare una qualche difficoltà è quello situato all'inizio (vedi foto).

A Steinalper Jochli inizia la salita finale per il Brisen. All'inizio è abbordabile, poi si fa sempre più ripida. L'ultimo pezzo l'ho trovato molto faticoso. Come sempre in questi casi, lo sforzo viene ripagato una volta arrivato una volta arrivati in cima. Oltre alla soddisfazione personale c'è anche la vista eccezionale e le buone birre belghe gentilmente trasportate fin qui da Nicolas.

Guardando verso ovest si vede la cresta - Haldigrat - lungo la quale dovremo scendere per ritornare a valle. Seguendo la cresta con lo sguardo si vede anche il ristorante e la stazione a monte della seggiovia di Haldigrat. Questo impianto di risalita ha una storia molto particolare (era in difficoltà finanziarie ed è stato acquistato da un tale Kurt Mathis - sulla vicenda è anche stato girato un bel documentario, il trailer è visibile qui).

Iniziamo dunque a scendere lungo la cresta in direzione di Lauwistock. La discesa è molto impegnativa: è ripida e il sentiero è cosparso di sassolini. Le mie povere gambe non hanno apprezzato.

A Lauwistock abbandoniamo la cresta e scendiamo a capofitto in direzione di Brisenhaus. La discesa è molto lunga e faticosa, ma, occorre dirlo, attraversa dei bellissimi paesaggi selvaggi.

A Brisenhaus, dove si trova una capanna del CAS, si ritorna nella civiltà. Da qui e fino a Klewenalp il nostro itinerario segue quasi esclusivamente una strada sterrata. Le difficoltà sono finite, ma non la nostra gita: bisogna camminare ancora un'ora prima di arrivare a Klewenalp.

 

FOTO

Immagine panoramica
Schwalmis: vista su Lucerna, il Lago dei Quattro cantoni, il Rigi, Svitto e il Grosser Mythen (clicca per ingrandire)


scendendo dallo Schwalmis verso Hinterjochli


Risetenstock: vista su Hinterjochli e sullo Schwalmis


Risetenstock: vista sullo Schwalmis (sulla sinistra)


Risetenstock: vista su Klewenalp, il Lago dei Quattro cantoni e il Rigi


la cresta tra Risetenstock e Steinalper Jochli


il presunto passaggio difficile poco prima di e Steinalper Jochli


salengo sul Brisen, guardando a ritroso si ha questa bella vista


l'ultima salita verso il Brisen


eccoci, siamo arrivati in vetta al Brisen!


Brisen: vista su un bel ghiacciaio (quale?)


l'impegnativa discesa lungo l'Haldigrat


© Claudio Filipponi - per informazioni:
Si prega di non utilizzare testi e foto senza il mio esplicito consenso