pubblicato il 01/09/2016
Version française

indice geografico
indice cronologico

Per informazioni:
Avvertenze importanti


itinerario 77
CHASSERAL

via la Combe Grède
e il Sentiero degli Anabattisti

 

Localizzazione:
Vallone di St-Imier, Giura bernese, Canton Berna, Svizzera
Bienne - La Chaux-de-Fonds
(Auto-)strada Bienne - Sonceboz-Sombeval - La Chaux-de-Fonds
Partenza:
Villeret
Parcheggiare l'automobile a Villeret

Arrivo:

Villeret

Dislivello:

906 m 991 m
Punto più basso: Corgemont 659 m
Punto più alto: vetta dello Chasseral 1606 m

Itinerario:

Villeret   Parcheggio della Combe Grède   Pré aux Auges   Hôtel Chasseral   Chasseral   Vacherie de Nods   Métairie du Milieu de Bienne   Petite Douane   Creux de Glace   Petite Douane   Montagne-de-Courtelary   Ponte degli Anabattisti   Corgémont
Durata:
Villeret 15min Parcheggio della Combe Grède 1h 15min Pré aux Auges 45min Hôtel Chasseral 20min Chasseral 35min Vacherie de Nods 20min Métairie du Milieu de Bienne 20min Petite Douane 7,5min Creux de Glace 7,5min Petite Douane 40min Montagne-de-Courtelary 20min Ponte degli Anabattisti 55min Corgémont

Totale: 6h
Difficoltà:
Alcuni sassolini sono caduti nella Combe Grède durante il nostro passaggio. Prestare quindi attenzione.

T2 - Escursione di montagna (secondo la scala del CAS)
Sentiero con tracciato evidente e salite regolari Se segnalato secondo norme FSS: bianco-rosso-bianco. Terreno talvolta ripido, pericolo di cadute esposte non escluso. Requisiti: passo sicuro, scarponcini da trekking consigliati. Capacità elementari d'orientamento.

Punti di ristoro:
Sullo Chasseral ci sono molte métairies (= fattorie con ristorante annesso), ristoranti più tradizionali si trovano a Villeret e Corgémont.
Varianti:
---
Commento:
---
Data:
Escursione effettuata il 1° ottobre 2015
Partecipanti:
image
Claudio Aurore
Collegamenti internet (fonti):
---
Documenti scaricabili:
Clicca qui per scaricare un libricino sugli anabattisti e il Creux de Glace pubblicato dal locale Ufficio turistico (file PDF - in francese)
Altri itinerari nella regione:
---

 

CARTINE

 

DESCRIZIONE

L'escursione odierna inizia nel villaggio bernese di Villeret, situato nel Vallone di St-Imier. Dopo aver parcheggiato la macchina, o essere scesi dal treno, si deve prendere il sentiero che si dirige verso sud in direzione della Combe Grède.

La prima parte, fino all'ingresso delle gole, si svolge lungo una strada carrozzabile. La direzione da seguire è sempre la stessa: Combe Grède / Chasseral.

Dopo pochi minuti entriamo così in queste gole selvagge, attorniate da ripide pareti rocciose. Il sentiero che le attraversa si arrampica anche su alcune scalette metalliche. Malgrado il sito sia veramente spettacolare, vi consiglio di rimanere prudenti: ci sono spesso cadute di sassi o ciottoli.

Il sentiero della Combe Grède è stato costruito nel 1904. Prende il nome da Louis-Imier Grède, che aveva costruito in zona una fattoria (métairie) nel XVIIIesimo secolo. Una organizzazione senza scopo di lucro, il Parco giurassiano della Combe Grède, fu creata nel 1931 per proteggere la gola e la zona circostante. Nel 1932 il governo bernese creò una riserva naturale di flora e fauna. Oggi il sito è parte del Parco regionale del Chasseral.

Dopo aver lasciato la gola, in un luogo chiamato Pré aux Auges, si deve continuare a salire verso il Chasseral. La salita fino al ristorante dura ancora circa 45 minuti.

Una volta in cima, bisogna seguire la strada asfaltata fino alla grande antenna Swisscom. Dopo averla aggirata, si segue la cresta per circa un chilometro e poi si gira a sinistra verso la Vacherie de Nods. Si continua poi a scendere fino alla métairie du Milieu de Bienne, dove ci si può rifocillare.

La gita continua verso Petite douane. Qui è possibile fare una deviazione per vedere il Creux de Glace. Questa grotta naturale, come tutte le cavità calcaree, si è formata attraverso l'azione dell'acqua che ha poco a poco sciolto la roccia.

Il Creux de Glace ha una profondità di 25 metri e ha una temperatura alla base che è quasi continuamente al di sotto dei 0° (anche in estate). Sul fondo della grotta si è così formato uno strato di ghiaccio che oggi è di circa 500 m3. Si tratta della terza più grande ghiacciaia della catena del Giura.

   

Dopo il ritorno a Petite douane, si prosegue verso la Montagne-de-Courtelary e il Ponte degli anabattisti. Come si può constatarlo sul posto, il ponte originale, risalente al XVIIIesimo secolo, non esiste più da molto tempo. Al suo posto è stato recentemente costruita una moderna passerella.

Ma chi sono questi anabattisti? Si tratta di una comunità religiosa riformata che nel XVIIIesimo secolo è stata perseguitata da parte delle autorità civili e religiose a causa del suo credo e per il suo rifiuto di sottomettersi alle autorità. Dopo aver inizialmente trovato rifugio nell'Emmental, nella seconda metà del XVIII secolo furono nuovamente espulsi. Alcuni costruirono la loro nuova dimora sulle colline del Giura nel territorio dell'allora Principato vescovile di Basilea.

Per agevolare gli scambi, un ponte fu costruito sulle montagne di Corgémont e Cortébert nella parte superiore della Combe du Bez. Originariamente in legno, fu sostituito da uno in sasso nel 1835. Mal mantenuto, il ponte crollò nel 1924 e fu sostituito da un terrapieno nel 1932. Da notare anche che sotto il vecchio ponte sono state incise sulla roccia delle misteriose iscrizioni composte da simboli e date, la più antica risale al 1633. Ad oggi, questi scritti non sono ancora stati decifrati.

La gita prosegue su una strada, poi un sentiero, fino Corgémont. Qui si può prendere il treno per tornare a Villeret o scendere a Bienne.

 

FOTO


partenza!


Combe Grède


Combe Grède


Combe Grède


salendo verso il Chasseral


la Métairie de St-Jean davanti alla Combe Grède - sullo sfondo la centrale eolica del Mont Crosin


il Chasseral (vi risparmio la vista sull'antenna Swisscom)


un magnifico muro a secco


il Creux de Glace


verso la Montagne-de-Courtelary


il Ponte degli anabattisti


le misteriose iscrizioni


© Claudio Filipponi - per informazioni:
È proibito utilizzare testi e foto senza il mio esplicito consenso