pubblicato il 12/04/09
Version française

indice geografico
indice cronologico

Per informazioni:


itinerario 24
GORNERGRAT - ZERMATT

 

Localizzazione:

Svizzera, Vallese, Zermatt
Linea Brig-Visp-Zermatt
Strada Visp-Täsch, poi fino a Zermatt

Partenza:

Zermatt, stazione della Gornergrat-Bahn (Zermatt è accessibile unicamente in treno, lasciare l'auto a Täsch)

Arrivo:

Zermatt

Dislivello:

80 m 1554 m
Punto più basso: Zermatt 1616m
Punto più alto: Gornergrat 3090m

Itinerario:

Gornergrat Riffelsee Furi Zermatt
Durata:

Gornergrat 1h 10min Riffelsee 2h Furi 50min Zermatt
Totale: 4h

Difficoltà:
Nessuna in particolare, ma 1554 metri di discesa sono molti

T2 - Escursione di montagna (secondo la scala del CAS)
Sentiero con tracciato evidente e salite regolari Se segnalato secondo norme FSS: bianco-rosso-bianco. Terreno talvolta ripido, pericolo di cadute esposte non escluso. Requisiti: passo sicuro, scarponcini da trekking consigliati. Capacità elementari d'orientamento.

Punti di ristoro:

Al Gornergrat e a Zermatt

Varianti:

Effettuare solo la prima parte della gita: a Riffelsee dirigersi verso la stazione di Rotenboden (la discesa, dal Gornergrat, è di soli 400 metri circa)

Commento:
Nel paese dei ghiacciai, ottima la vista sul Cervino
Data:
Escursione effettuata il 25 settembre 2008
Partecipanti:
image
Aurore Claudio
Collegamenti internet (fonti):

Zermatt su Wikipedia
Il Cervino su Wikipedia
Matterhorn Gotthard Bahn su Wikipedia
Gornergrat-Bahn su Wikipedia

 

CARTINE

 

DESCRIZIONE

Premessa: abbiamo scelto di fare la gita nel senso della discesa (siamo saliti in treno). Ovviamente è possibile l'escursione in senso inverso.
La passeggiata inizia a Gornergrat, capolinea del treno a cremagliera che sale da Zermatt. Prendere il sentiero per la capanna Monte Rosa. Questo passa prima sulla cresta, poi bisogna girare a destra e scendere verso il ghiacciaio. Alla fine della discesa (al punto 2695 sulla cartina topografica) incontriamo il sentiero che costeggia il Gornergletscher. Girare a destra (a sinistra si va in direzione della capanna). Davanti a noi c'è il maestoso Cervino. Inizialmente il sentiero è pianeggiante, poi sale leggermente per raggiungere Riffelsee. Se si desidera fare solo questa parte della gita (la meno impegnativa), qui si può prendere il treno per Zermatt (stazione di Rotenboden). Continuare altrimenti verso ovest. Proseguire sempre dritto, ignorare tutte le biforcazioni che si incontrano lungo la discesa. Prendere sempre a sinistra, anche ai punti 2446 e 2355. Dopo quest'ultimo inizia un lungo e ripido sentiero (ma il paesaggio è molto bello) che conduce fino al fondovalle. Seguire poi le indicazioni per Furi/Zermatt. Tra Furi e Zermatt è possibile prendere la cabinovia se le vostre gambe si lamentano...

Zermatt

Zermatt è un comune di 6630 abitanti situato in fondo alla Mattertal, ai piedi del Cervino e ad un'altitudine di 1620 metri. È una delle più grandi stazioni sciistiche delle Alpi - con un comprensorio sciistico che sale fino a 3900 m - e un importante centro per l'alpinismo e l'arrampicata. Zermatt conta fino a 30'000 abitanti in alta stagione, durante un periodo di sei-otto settimane all'anno. Il Cervino (Matterhorn in tedesco), che culmina a 4478 metri, è l'emblema della cittadina.
Zermatt ha saputo conservare il suo aspetto tipico di paesino di montagna vallesano. Una delle sue particolarità più note è l'assenza di automobili. Solo le vetture elettriche sono ammesse, così come a Saas Fee. Il primo veicolo di questo tipo è stato introdotto già nel 1947.
Zermatt è collegato alla pianura con una linea ferroviaria (di proprietà della Matterhorn Gotthard Bahn) inaugurata nel 1891. Il treno che sale al Gornergrat è invece stato inaugurato nel 1898.

Il Cervino

Il 12 luglio 1865, Edward Whymper, Lord Douglas (un turista inglese incontrato per strada) e Peter Taugwalder figlio andarono a Zermatt e decisero di assumere la guida Peter Taugwalder padre per tentare la scalata del Cervino. Arrivati all'Hotel Monte Rosa, hanno incontrato il reverendo Charles Hudson e il suo giovane e inesperto accompagnatore Hadow Douglas che avevano ingaggiato la guida Michel Croz per tentare a loro volta la salita. Le due cordate decisero quindi di unire le forze e si incamminarono lungo la cresta Hörnli (a nord-est).  Il 14 luglio, il gruppo di sette uomini raggiunse la vetta alle 13:40 circa. Durante la discesa, Douglas Hadow scivolò e travolse Michel Croz. Charles Hudson e Lord Douglas non riuscirono a frenare la caduta e sono stati trascinati via pure loro. Fortunatamente la corda si ruppe, ciò che permise a Edward Whymper, a Peter Taugwalder padre e a Peter Taugwalder figlio di salvarsi. Edward Whymper, sconvolto da questa tragedia, non tentò più nessuna prima ascensione di rilievo.

 

FOTO


il Cervino nella nebbia


il treno che sale al Gornergrat


Gornergrat: rovine della vecchia funivia dello Stockhorn


ghiacciai


zoom sul ghiacciaio (Gornergletcher)


incontro con un branco di stambecchi


incontro con un branco di stambecchi, sullo sfondo: la punta del Cervino


uno stambecco


Aurore che costeggia il Gornergletcher


lungo il sentiero che costeggia il Gornergletcher


l'ultima discesa


ed ecco finalmente Zermatt